Recensione “QUELLA LUCE NEGLI OCCHI” – Bennett Sims

“QUELLA LUCE NEGLI OCCHI” – Bennett Sims

TRAMA: Dopo l’esplosione di un’epidemia che ha popolato Baton Rouge di non-morti, le cose stanno lentamente tornando alla normalità. Sono ormai tre settimane che Michael, Rachel e il loro amico Matt stanno cercando il padre di quest’ultimo, il signor Mazoch. Quasi certamente è stato morso e adesso vaga per Baton Rouge, come i non-morti ancora in libertà, sull’onda dei ricordi di quando era vivo. Mentre la stagione degli uragani minaccia di spazzare via gli ultimi zombi rimasti, i tre protagonisti setacciano i luoghi che, un tempo, erano importanti per lui, animati dalla speranza che anima tutti coloro che piangono la perdita di una persona cara, che cioè chi è morto possa tornare, in una forma o nell’altra.


💢

VOTO:💓


RECENSIONE: Dopo aver sperimentato vari generi sono tornata di nuovo sui miei passi, cos’ ho letto questo romanzo. Premetto che non avevo molte aspettative, diciamo che ero curiosa e la trama mi intrigava troppo, ma quando ho iniziato a leggere le prime pagine ho notato subito un dettaglio, che non passa inosservato: le note. Ecco, in basso al romanzo c’è sempre qualche nota, per avere più dettagli sui non morti o su qualunque altra informazione sui protagonisti del romanzo. Pero’ ad essere sincera la trama prometteva bene ma l’autore ha arricchito il romanzo con troppi dettagli. A metà libro avevo intenzione di abbandonarlo, ma volevo sapere come finiva il libro, così ho deciso di continuare a leggerlo. Tra i personaggi incontriamo Matt, un ragazzo che dopo l’epidemia dei non morti non riesce a trovare suo padre così inizia le ricerche con il suo amico Michael. In alcune pagine i pensieri di Micheal sono troppo pieni di dettagli, anche quando parla della sua fidanzata Rachel e dei suoi ricordi o dettagli sulla loro vita insieme. La trama promette bene, ma a mio parere, sono rimasta molto delusa da dettagli che l’autore poteva anche omettere. Ma arriviamo al punto finale, la conclusione, sono rimasta DAVVERO DELUSA, mi aspettavo un finale con qualche colpo di scena e diciamo che in un certo senso c’è stato ma, mi dispiace dover dare questo voto così basso a questo libro. Forse avevo aspettative alte, forse l’ho letto nel periodo sbagliato ma non mi è piaciuto.

💢

Precedente Recensione: "Natale sotto la neve" - Karen Swan Successivo SEGNALAZIONE "Come miele e neve" e "Fade into you" - Siro T. Winter

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.