Dysphoria – Lo Specchio dell’Anima #StorieDiWattpad

Dysphoria – Lo Specchio dell’Anima (Completa)

 

TRAMA:

A chi non capisce può sembrare folle, ma quando lo specchio mostra solo una gabbia di carne che non ci appartiene, romperlo è l’ultima speranza che ci resta per non impazzire. Allora, forse, comprenderemo che solo uno specchio rotto può riflettere le cicatrici più profonde della nostra anima. Vedremo frammenti di passioni malsane, di maledizioni angeliche, di pelli martoriate con mantelli d’ortica. Ma anche di sorrisi casti, di attimi appaganti, di Canore dalle note cristalline e Arcadi dai poteri divini. Così, quando ci ritroveremo circondati dal nulla ad assemblare i pezzi della verità, il timore degli insulti e delle sberle non potrà più scalfirci. E quella stessa identità che a lungo abbiamo celato persino a noi stessi, potrà finalmente danzare e brillare agli occhi del mondo…

MINI-RECENSIONE:

Iniziando a leggere questa storia ero un po’ confusa, ma continuando la lettura l’immagine si crea nella mente, un’immagine che molti di noi, purtroppo, hanno vissuto. Una storia che ti entra nelle ossa, scene difficili e facili da immaginare, la vera gabbia siamo noi stessi. Uno specchio non ci fa apparire migliori, uno specchio riflette, quello che a volte, non vogliamo vedere, ma il nostro corpo è unico, dobbiamo tutti prendercene cura, non distruggerlo perchè se distruggiamo il nostro corpo è distruggiamo noi stessi allo stesso tempo, non dobbiamo accettarlo, ma dobbiamo amarlo. Una storia diversa dalle altre, che ti fa riflettere.

MINI-INTERVISTA:

1.Come mai hai voluto scrivere un libro su questo tema? ‘trangender’

Ho deciso di parlare di questo tema nel momento esatto in cui l’ho scoperto. Posso dire che è stata una sorpresa perfino per me stessa: un giorno mi sono casualmente imbattuta in una raccolta su Wattpad che parlava di tematiche LGBT+, e mi sono resa conto di quanto poco sapessi su cosa ci cela dietro la parola “transgender”, a volte usata a sproposito. L’idea che ci si possa sentire estranei al proprio corpo, fino a identificarsi con qualcosa che non vediamo nel nostro riflesso, mi ha colpito a tal punto che ho cominciato a fare ricerche qua e la per saperne di più. Da queste ricerche è scaturita una valanga di riflessioni, sulla base della quale è nato il mondo di Dysphoria.

2.E’ stato difficile scrivere l’inizio o ti è uscito ‘di getto’?

Scrivere questa storia non è stato facile, e soprattutto non è stato facile iniziarla! Ho riscritto l’inizio innumerevoli volte, e non sono ancora soddisfatta del prologo attuale. Di recente ho chiesto aiuto a un ragazzo transgender che mi ha fatto notare alcune imprecisioni, su cui conto di lavorare al più presto.

3.Hai scritto molto, hai mai pensato di pubblicare qualcosa di tuo?

Pubblicare è sempre stato il mio obiettivo ultimo, e in passato confesso di averci provato, sia con il self publishing che con una casa editrice per autori emergenti, ma a causa di vari fattori (stile decisamente acerbo, mancanza di supporto professionale ecc.) tutto quel che ho pubblicato è finito nel dimenticatoio. Wattpad è arrivato solo dopo, ed è stato grazie a esso che sono riuscita a migliorarmi e sono riuscita a mettere su una piccola cerchia di lettori. Il prossimo obiettivo sarà quello di pubblicare lo stesso Dysphoria: non so quando, ma l’importante è volerlo!

4.Scrivi solo su Wattpad?

Tutto quel che ho scritto negli ultimi tempi (poesie e riflessioni a parte) si trova al momento su Wattpad. Negli ultimi tempi però me ne sto allontanando, e non so quanto di mio continuerò a pubblicare su questa piattaforma.

5.Sogno nel cassetto?

Vivere in una casa piena di libri, e tra questi spero che ci sia qualche mio titolo, insieme a tutti quelli degli autori emergenti che ho conosciuto in questi anni e che stimo nel profondo.

CITAZIONE:

Strano, mi dissi. Ero convinta che, una volta davanti al mio aguzzino, avrei urlato e sarei corsa via, lontano, fino a che le mie ginocchia non si sarebbero piegate al suolo. Eppure, niente di tutto ciò accadde. Ero stranamente tranquilla, forse perché in cuor mio ero certa che non mi avrebbe fatto alcun male.

CONTATTI AUTRICE:

WATTPAD

INSTAGRAM

 

OGNI MERCOLEDI E VENERDì VI ASPETTA UNA NUOVA STORIA DI WATTPAD.

 

Precedente These Days #StorieDiWattpad Successivo BLUE ESSENCE #StorieDiWattpad

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.